25.06

Sebbene chi pensa al Salento come meta ideale delle proprie vacanze estive lo faccia, quasi esclusivamente, per il mare e le spiagge paradisiache nonché per il divertimento che viene offerto da questa terra e le numerose strutture dove soggiornare (vedi qui), c’è da sottolineare che c’è molto altro da vedere e da scoprire.

Quello del turismo culturale è un fenomeno che, specialmente negli ultimi anni, sta crescendo a dismisura e che, pertanto, interessa anche il Salento, terra molto ricca di bellezze architettoniche e culturali. Chi va alla ricerca di questo tipo di vacanza, che solitamente è un weekend o una settimana intera, ha l’imbarazzo della scelta arrivando in Salento, dato che vi si trovano notevoli e diversi spunti dai quali partire alla scoperta di una terra meravigliosa e ricca.

Probabilmente, se si pensa alle bellezze del Salento, si pensa immediatamente alla città di Lecce che è definita la capitale del Barocco e che è considerata da molti una delle più belle dell’intera Europa. Un primo itinerario culturale, pertanto, potrebbe interessare proprio la città capoluogo: andare alla scoperta delle bellissime chiese di Lecce, tra cui il Duomo o Santa Croce o, ancora, la suggestiva chiesa di Santa Irene, tanto per fare qualche nome; visitare Piazza Sant’Oronzo e ammirare il suo anfiteatro; visitare Piazza Duomo che è considerata una delle più belle d’Italia; perdersi nelle stradine del centro storico, che merita tutto una visita. Questo e molto altro si può fare in questa magnifica città, ma di sicuro il turismo culturale non ha Lecce come unica meta in Salento, dato che ci sono altre bellezze degne di nota. Alcune sono più note e altre meno note e proprio su queste ultime abbaimo deciso di porre l’accento in questo post.

Anfiteatro Lecce 2

La prima bellezza da visitare nell’ambito di una vacanza culturale in Salento è, senza dubbio, la cripta di Santa Maria degli Angeli che si trova a Poggiardo. Questo sito, di grande importanza, è conosciuto da pochissime persone ed è un vero peccato, dal momento che si tratta di una testimonianza storica di enorme rilevanza. Nella cittadina vicina a Maglie si trova questa cripta che era deputata al culto greco e che risale all’anno 1000. Una delle particolarità di questo sito è che è completamente affrescato ma, purtroppo, per secoli non è stato manutenuto e non è stato preso in considerazione tanto che, nel XVI secolo, divenne una vera e propria discarica. Solo nel 1929 si riscoprì questa cripta e si fece un lungo lavoro per cercare di salvare i numerosi e preziosissimi affreschi dall’umidità del luogo e dalla noncuranza dell’uomo. Questi vennero staccati dalle pareti della chiesa ipogea e vennero raccolti in un museo degli affreschi che si trova sempre nella cittadina di Poggiardo. Dopo anni, la cripta è stata restaurata e per renderla in tutto e per tutto simile a com’era in origine sono state introdotte al suo interno delle copie fedeli degli affreschi che sono stati conservati presso il museo.

Un’altra bellezza molto poco conosciuta del Salento è la chiesa di Santa Maria di Casaranello che si trova nella città di Casarano. Attenzione: non si parla di una semplice chiesa molto antica e molto suggestiva, bensì di uno dei più grandi capolavori, tuttora integri, dell’architettura paleocristiana. La costruzione di questa piccola chiesetta è stata fatta risalire al 450 d.C e quello che la caratterizza, oltre all’impianto a croce latina, è un meraviglioso mosaico che ricopre tutta la cupola del presbiterio e l’arco absidale. Si tratta di un lavoro di una maestria rara, realizzato da maestri bizantini durante il periodo della dominazione della zona. Il mosaico in questione, realizzato con delle tessere policrome di una bellezza davvero unica, richiama scene raffiguranti gli Arcangeli, la Madonna con il Bambino, Santa Barbara, la Passione e molto altro ancora. Si tratta di un mosaico di una bellezza rara, riscoperto all’inizio del ‘900. Questa, come la cripta e il museo di cui si è parlato, è una vera e propria chicca imperdibile per chi ama il Salento e ne vuole conoscere le bellezze.

Casaranello

Foto Pubblico Dominio

Spostandosi un po’ più verso nord, si trova il castello di Copertino. Quando si pensa ai castelli del Salento, quelli che vengono in mente prima di tutti gli altri sono, senza dubbio, quello di Lecce e quello di Gallipoli che, tra l’altro, sono anche molto simili nella struttura. Anche il castello della cittadina di Copertino, però, ha un suo perché e, pertanto, ha tutto il diritto di essere annoverato tra le bellezze culturali di questa terra. Si tratta di un castello cinquecentesco, con la forma di un quadrilatero che va a inglobare una torre angioina di precedente costruzione. Sebbene sia stato la dimora di diverse famiglie nobiliari, il castello in questione è importante soprattutto per il suo essere un esempio di architettura militare molto ben riuscita. Come ogni castello con finalità difensive, anche questo è circondato da un fossato e agli angoli si trovano 4 bastioni. Per entrare nel castello si deve attraversare un enorme portale, molto bello e maestoso che, appena si apre, mostra un cortile interno molto bello, all’interno del quale si trova finanche una piccola cappella, dedicata a San Marco. Nel castello ci sono anche gallerie e scuderie risalenti all’epoca angioina che sono state inglobate nella attuale struttura, che è successiva. Si tratta di un bene architettonico di immenso valore, che deve essere visitato, così come tutto il centro storico della bella Copertino, che nasconde mole chicche di cui quasi nessuno parla. Sempre per rimanere in tema di castelli salentini, è bene ricordare che quello di Otranto regala ogni estate delle mostre molto interessanti che permettono anche di visitare la struttura. Tutto questo ben si sposa con l’idea di una vacanza culturale, dato che si unisce la visita di una mostra di personaggi illustri dell’arte alla scoperta di uno dei castelli più belli e suggestivi della zona.

Naturalmente, dopo aver fatto incetta di arte e cultura, due fattori di cui il Salento è pieno, un bel salto a mare è d’obbligo: versante adriatico e versante ionico aspettano tutti quei turisti che sono alla ricerca del bello che, lo ricordiamo, si trova soprattutto nella natura.

E per chi fosse alla ricerca di una strututra turistica dove soggiornatre, dato che la stagione estiva è ufficialmente cominciata, consigliamo il portale www.affittiestivisalento.it. Se invece preferite un b&b, cliccate qui per bed & breakfast in Salento.

 

Per la foto dell’Anfiteatro di Lecce si ringrazia nelsalento.com


Prova a dare un'occhiata anche a


Scrivi un Commento