I castelli del Salento

Autore: Pippo
25.03

Molto probabilmente, se si pensa al Salento e alla sua architettura non si pensa di certo ai castelli in prima battuta. Come ben sappiamo, quello che è più noto di questa parte della Puglia è, senza dubbio, la bellezza del barocco, che trova in Lecce la sua capitale ma che si estende anche a tutte le altre cittadine. Ogni paese e ogni paesino in Salento ha una testimonianza di questa corrente architettonica che, qui più che altrove, ha lasciato il segno del suo passaggio. Tuttavia, il Salento sa stupire sempre e comunque e, pertanto, anche se non ci si pensa immediatamente, anche i castelli sono una delle cose da non perdere quando si decide di visitare questa bella penisola, soprattutto quando si è alla ricerca di un itinerario che abbia il sapore del romanticismo! Del resto i castelli ne rappresentano a pieno titolo un simbolo.

Quali sono i castelli salentini? Ce ne sono diversi, alcuni molto simili tra loro, va detto, ma tutti molto belli e molto maestosi. Proprio per questo motivo, attraggono un numero sempre maggiore di turisti che, dopo averli scoperti, ne osservano rapiti le caratteristiche e non perdono l’occasione per visitarli al loro interno. Del resto, il Salento oggi è una delle mete più ambite in Italia ma, lo si deve ricordare, già molte popolazioni remote ne avevano colto la bellezza, nonché la posizione geografica. Questa zona, in poche parole, ha sempre fatto molta gola. A chi? Ai Turchi e ai Saraceni, solo per fare due nomi. Ed è proprio per questo motivo che sono stati costruiti questi maestosi castelli con la duplice funzione di difesa e di dimora. Le prime strutture fortificate risalgono al Medioevo, dato che si ebbe la necessità incombente di difendere la zona dagli attacchi dei Turchi che, lo ricordiamo, fecero un vero e proprio eccidio sbarcando nel 1480 a Otranto.

Sebbene la nascita di questi castelli sia stata dettata da una causa tutt’altro che piacevole, c’è da dire che, ad oggi, sono una delle cose più belle offerte da questa florida terra che sa come conquistare i cuori di chi ci arriva in vacanza e anche quelli dei cittadini. Sul litorale salentino si trovano ben tre castelli. Attenzione, non parliamo dei classici castelli da sogno che si possono avere in mente, perché, come detto, questi sorsero in un’epoca particolare e con delle caratteristiche atte a soddisfare talune esigenze.

Il primo castello che si trova è il Castello Angioino di Gallipoli. Questo venne fatto costruire per volere dei francesi nel 1200 e una delle sue peculiarità è che si trova sul mare. In poche parole, quindi, un lato del castello galleggia sul mare, mentre l’altra parte è agglomerata al centro storico. Il borgo antico di Gallipoli ne viene, quindi, arricchito e impreziosito, anche perché si tratta di un castello con dei torrioni molto imponenti e maestosi che, dobbiamo dirlo, rispecchiano a pieno il fine per il quale sono stati costruiti. Naturalmente, dopo lo sbarco dei Turchi questo castello venne non solo migliorato, ma anche ulteriormente fortificato e venne costruito quello che è ormai noto come Rivellino che è collegato per mezzo di un ponte levatoio con il resto della struttura già esistente. Si tratta di una delle perle del litorale ionico salentino ma non è l’unica (qui maggiori info su Gallipoli).

 

gallipoli (4)

Scendendo, infatti, verso Santa Maria di Leuca e risalendo il litorale adriatico si incontrano il Castello di Castro e il Castello di Otranto che sono entrambi molto belli e degni di nota. Entrambi sono stati inglobati nella cinta muraria delle città in cui sorgono ed entrambi hanno avuto la disgrazia di conoscere la distruzione.

Otranto

Il primo castello, ossia quello di Castro, venne fatto costruire nel XII secolo ma venne distrutto quasi totalmente dai Turchi, che non risparmiarono assolutamente nulla di quello che trovavano sul loro cammino. Il castello, poi, venne fatto ristrutturare dalla famiglia dei Gattinara, nel 1500, e proprio a loro va il ringraziamento per aver riportato alla luce una delle meraviglie di questa terra.

Stessa sorte, naturalmente, toccata al castello di Otranto, che venne fatto costruire dagli Svevi e, in un secondo momento, venne ricostruito per volere degli Aragonesi che si trovavano nel Regno di Napoli. Oggi il castello in questione è sede di molte mostre ed è diventato il fulcro della vita culturale della città. Sono molto tipici sia il ponte levatoio che il fossato che lo circonda. Ma anche i torrioni sono molto caratteristici, dato che conferiscono alla costruzione la cosiddetta forma a punta di diamante.

Ma i castelli non si trovano solo lungo la costa: anche nell’entroterra salentino ce ne sono alcuni di molta importanza. Prima di arrivare a parlare del Castello Carlo V di Lecce, dobbiamo parlare del Castello di Copertino. Il paese dista meno di 20 km da Lecce e ha uno dei castelli più belli della zona, tanto che nel 1886 venne dichiarato monumento nazionale. Quello che colpisce di questo castello, fatto costruire nel 1200 e ristrutturato nel 1500, è il ponte in pietra. Altro bel castello è quello di Corigliano d’Otranto, che propone una bella facciata barocca.

Il Castello di Lecce, invece, si trova in pieno centro città ed è sicuramente il più bello e tipico. Si tratta di una costruzione iniziata nel XIII secolo e fatta ricostruire tra il 1539 e il 1549. Attualmente, poi, è stato restaurato ed è nuovamente visitabile. Anche questo ospita numerose mostre ed è anche sede del Museo della Cartapesta Leccese. Quello che colpisce di questo castello, oltre alla maestosità, è stato il ruolo che ha avuto nel corso dei secoli. La forma è quella tipica: si tratta di un castello su base quadrangolare con 4 bastioni ai lati che avevano funzione difensiva. Tuttavia, non fu solo quella la funzione del castello che, durante i secoli, è stato anche un teatro di successo, molto amato dalla nobiltà leccese. Insomma, si tratta di un impianto di origini molto remote che, però, ha subito nel corso dei secoli molte variazioni che lo rendono ancora più interessante per l’occhio di chi lo osserva. Essendo nel cuore pulsante della città, poi, è anche un buon punto di inizio per la visita di Lecce, capitale del Barocco e non solo (visita il sito www.vacanzelecce.net per ulteriori info).

RISORSE UTILI

Per prenotare un hotel in salento: http://www.hotelinsalento.it/

 


Prova a dare un'occhiata anche a


Scrivi un Commento